Raniero Franzero, Maresciallo dei Vigili del Fuoco di Roma

Se chiamava Pavone. Era un cavallo ardito e fumantino de quele razze bone co forme tozze e collo taurino, coll’occhio sempre vivo e intelligente, pareva che capisse er sù mestiere, er core suo sarvava tanta gente, come fusse un dovere.
Tant’anni de servizio, quanta gloria aveva guadagnata, ogni corsa de Pavone na vittoria, e lui che la stimava? Na sudata! Forza Pavone… corri come er vento! Arriva in un momento! Lo vedi? Er cèlo è rosso, L’incendio è grave, fuggi a più non posso!
E via Pavone, co la panza a tèra e corre, e sbuffa tanto da schiattà, l’occhi de fòco, dritta la criniera… forse c’è quarche vita da sarvà! Arivati sur posto, soddisfatto, raspava co le zampe sur tereno come pe di: Vedete si chò fatto? Ho corso più d’un treno!
E tutto pisciolante de sudore pareva che sapesse de l’onore che pure a lui aspettava si quarche vita umana se sarvava. Quanti disastri e incendi spaventosi aveva visti ne la su carera? Aveva inteso l’urli dolorosi, l’urli de berva, l’urli de pantera de le persone prese da la morte! Aveva viste scene commoventi che l’animo più forte ciàvrebbe avuti mille smarrimenti. Pavone certe cose le capiva perché pareva quasi che soffriva.
Quanno stava in riposo, in scuderia, era er cocchetto de la compagnia, tutte le gentilezze più sincere erano pe Pavone. E lui, tutto contento dar piacere, faceva mille feste all’attenzione: – èccheve er zuccheretto! – baciateme la mano! – lasciate stà er beretto! – nun mozzicate… piano! – arzate sù la zampa… sù la testa! Intorno a lui ce stava sempre festa. Un brutto giorno, povero Pavone, se vidde messo fori dar servizio. Ce fù na novità, n’innovazione che fagnentava tutto er sacrificio! Vennero l’automobili volanti, e li cavalli, tutti, tutti quanti, vennero congedati come li pensionati! Pavone conosceva li segnali. Sonò l’incendio e lui nun fù attaccato, restò meravijato! Poi vidde un macchinone e du fanali fissi come du occhi che stavano a guardallo come pe minchionallo… S’intese un gran tremore a li ginocchi. Poi er macchinone se ne annò sbuffanno come na bestia presa da l’affanno! Er povero cavallo pensò fra sè: Va là, nun fà rumore, che guasi guasi… ce farebbe a core! E mò? Mò che farò io poveretto? botte su botte e tirerò er caretto? Nò, questo nun lo faccio pe davero! E fisso ner pensiero nun volle più magnà, rifiutò er fieno, la biada, la favetta, er beverone… E stammatina, steso sur tereno C’era un cavallo morto: era Pavone!

Please follow and like us:
Follow by Email